Close

6 novembre 2018

Il bestiario medievale fra animali buoni e malvagi

bestiario medievale animali

Non ci crederete, ma nel bestiario medievale perfino il simpatico e innocuo ranocchio ricopre un ruolo da vero antagonista.

L’iconografia nel bestiario medievale è vastissima, colma di simboli e significati, ma uno degli aspetti più interessanti è sicuramente l’attribuzione della morale umana al mondo naturale, ovvero la distinzione fra gli animali buoni e quelli cattivi.

Le tradizioni legate al mondo antico e la simbologia religiosa fornivano molti spunti riguardo le attitudini di determinate specie animali, tuttavia per esprimere giudizi ci si affidava soprattutto all’osservazione del loro comportamento. I carnivori come il lupo e la volpe erano considerati cattivi ed è facile comprendere il perché, data la loro proverbiale propensione a razziare gli allevamenti.

Anche le civette, i pipistrelli e gli animali notturni in genere venivano considerati malvagi. Colui che agisce col favore delle tenebre non può che commettere azioni in combutta col Demonio, non vi pare? I rettili, e il serpente in particolare, sono creature cui sono state attribuite innumerevoli caratteristiche fin dagli albori delle religioni, come avviene ad esempio nella scena biblica della cacciata dal Paradiso terrestre di Adamo ed Eva.

E poi c’è il rospo, perfido e velenoso. Nella novella di Simona e Pasquino contenuta nel Decameron di Boccaccio entrambi i protagonisti muoiono avvelenati per essersi “lavati i denti” con della salvia cresciuta sul dorso di un rospo. E ricordate le dieci piaghe d’Egitto? La seconda terribile punizione che secondo la Bibbia Dio afflisse agli antichi egizi per liberare il popolo ebraico dalla schiavitù riguarda proprio i nostri amici verdi e saltellanti: un’invasione di rane.

La rana del bestiario medievale è dunque un animale diabolico, spesso raffigurata nell’arte come simbolo di eresia, disgusto e dannazione. Nell’immagine di copertina che ho scelto per questo articolo vi è il dettaglio di un manoscritto dell’Apocalisse di Giovanni degli inizi del Trecento. Rospi-demoni fuoriescono dalla bocca dei falsi profeti a voler rappresentare l’inganno e la malvagità. E fanno anche un po’ schifo.

bestiario medievale rospo dannazione

Incisione del XV secolo che raffigura i dannati dell’Inferno costretti a pasteggiare con rospi e altri disgustosi rettili. Bleah!

Lorenzo Manara

Lorenzo Manara

Lorenzo Manara ha scritto il suo primo romanzo nel 2012 e da allora non può fare a meno di sedersi davanti alla tastiera del computer, la sera, per scrivere storie d'avventura fino a tarda notte. Nel 2018 ha firmato un contratto con una casa editrice di Londra per la pubblicazione del romanzo "Il Ritornante".
Lorenzo Manara

Latest posts by Lorenzo Manara (see all)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.