Close

28 Giugno 2016

Brutte storie di Terry Deary

terry deary

Imparare la storia non è mai stato così divertente grazie a Terry Deary

Se proprio devo ricercare le cause che hanno dato inizio alla mia passione per la storia, e in particolare la storia militare, mi tocca andare indietro nel tempo; precisamente alla gloriosa epoca delle scuole elementari. Quelle erano giornate piene d’avventura, che scorrevano tra film come Pomi d’ottone e manici di scopa e la costruzione di armature fatte con i cartoncini argentati di pasticceria.

Quanto volte ho visto Pomi d’ottone e manici di scopa… Alcuni pezzi li so ancora a memoria. E’ un capolavoro. Dico davvero. Vogliamo parlare della battaglia fra le armature fantasma e i nazisti? I nazisti, cazzo. Ma è geniale. Arrivato alla soglia dei trentanni mi rendo conto della genialità di un simile spunto narrativo. Mi vengono i lacrimoni solo a pensarci. Dovrò farci un articolo sopra, prima o poi. Così come dovrò assolutamente spiegarvi in una guida illustrata come costruire le armature fatte con i vassoi argentati dei pasticcini.
Ma torniamo ai libri di Terry Deary.

Il primo libro della collana Brutte Storie che ho letto è stato Callosi cavalieri e mefitici manieri. Bellissimo. Nella sua semplicità è riuscito a catturare la mia attenzione anche sui dettagli che solitamente risultano più noiosi da leggere, come le date, gli eventi politici e quelli sociali. La scrittura di Terry Deary è ironica e intelligente, e le illustrazioni a fumetti di Martin Brown completano l’opera alla perfezione. Fra battute e nozioni storiche, si arriva in fondo che si impara davvero qualcosa. Dopo quello ho letto Nerboruti normanni, Ganzi greci, Villosi vichinghi, Rivoltanti romani e Pidocchiosa prima guerra mondiale. Tutti meravigliosi.

Consiglio questi libri ai ragazzi, ma anche ai più grandicelli. La Salani ne ha ristampati alcuni recentemente: nuova edizione con prezzo abbordabile. Se siete come me che a otto anni ritagliavate la fessura per gli occhi nel contenitore del pandoro e poi lo rivestivate di stagnola, allora le Brutte storie di Terry Deary fanno per voi.

Altra collana degna di merito è Brutte scienze di Nick Arnold, simile per impostazione alla controparte storica ma ovviamente votata al meraviglioso mondo scientifico. Roba che potrebbe piacere a coloro che hanno la passione per i numeri. Insomma, di materiale interessante ce n’è davvero tanto, e ogni volta che l’occhio mi cade sullo scaffale dove sono riposti i libri di Terry Deary, non posso fare a meno di sorridere.

Adesso vado a riguardarmi Pomi d’ottone e manici di scopa. Restate sintonizzati che l’articolo della prossima settimana potrebbe interessare proprio quel filmone. (Edit dal futuro: e infatti è andata proprio così)

terry deary

Atene, essendo realmente ganza, realizzò la prima democrazia al mondo. Ma dato che aveva ancora molto da imparare, non fece proprio tutto alla perfezione…” I Ganzi Greci, illustrazione di Martin Brown

Lorenzo Manara