Close

13 Giugno 2017

La morte di Jack Sparrow

pirati dei caraibi 5 fa schifo

Come uccidere un pirata con soli 230 milioni di dollari

Vi annoiate? Non sapete come trascorrere le vostre oziose giornate? Non preoccupatevi, siete capitati nel posto giusto! Se avete 230 milioni di dollari e tanta voglia di uccidere pirati non vi resta che leggere questo comodo tutorial. Siete pronti? Iniziamo subito.

Indice:

  1. Quello che serve
  2. La sceneggiatura di merda
  3. Il film di merda
  4. La distribuzione
  5. Uccidere il pirata
  6. Ricominciare da capo!

 

Quello che serve

Vi serviranno pochissime cose facilmente reperibili per uccidere un pirata. Nello specifico:

  • 230 milioni di dollari
  • Una cinepresa e poco più di 2.000 lavoratori a vostra completa disposizione
  • Un’ottima base di partenza
  • Un pirata…
  • …e tanta voglia di ucciderlo!

L’unico ingrediente che potrebbe essere difficile da ottenere  è l’ottima base di partenza. Non tutti ce l’hanno, ed è necessario impegnarsi molto per riuscire a raggiungerla. Alcuni ci impiegano anni, altri ancora non ci arriveranno mai.  Intendiamoci, non è indispensabile per raggiungere l’obiettivo, ma senza di essa la morte del pirata risulterebbe meno incisiva.

La sceneggiatura di merda

Qualcuno potrebbe pensare che per uccidere un pirata sia sufficiente sparargli. O accoltellarlo. Niente di più sbagliato. Per uccidere un pirata è sufficiente scrivere una sceneggiatura che lo riguardi. Assegnandogli un ruolo di protagonista, magari.
Cominciate a buttare giù la vostra sceneggiatura. Scrivete tutto quello che vi passa per la testa, fregandovene perfino dell’ottima base di partenza (tanto ci servirà più avanti). Avete piena libertà. Volete un inseguimento con edifici di mattoni trainati da cavalli? Vi fa sbellicare l’idea di inserire giochi di parole che fanno ridere solo i bambini sotto i dieci anni? Adorate i personaggi che posseggono lo stesso fascino del comodino di camera vostra? Nessun problema. Il bello della sceneggiatura di merda è proprio questo: non avere limiti.

Il film di merda

Dopo la stesura della sceneggiatura arriva l’importante momento di realizzare ciò che è stato faticosamente partorito dalla vostra mente. Avvaletevi dei vostri 2.000 lavoratori specializzati e delle attrezzature ad alta tecnologia per buttare su schermo tutto ciò che fino a poco prima era su carta. Anche in questa fase dovrete fregarvene dell’ottima base di partenza. Per ottenere un risultato migliore, chiedete un parere allo stesso pirata. Dopotutto lui non ha la minima idea di come si facciano queste cose, perciò il risultato potrà essere uno soltanto: un bel film di merda.

La distribuzione

Proiettate il vostro film di merda in tutte le sale cinematografiche del mondo e aspettate che le persone si rinchiudano due ore di fila in una sala buia a guardarlo. Sembra strano, ma vi assicuro che accadrà. Le persone si siederanno piene di fiducia e speranza per due cacchio di ore intere davanti a uno schermo. Solo a questo punto potrete finalmente utilizzare l’ingrediente messo da parte finora: l’ottima base di partenza. Con quella sarete sicuri che tutti, ma proprio tutti, vadano al cinema con il sorriso sulle labbra.

Uccidere il pirata

Siamo giunti quasi al termine del tutorial. Avete speso 230 milioni di dollari e vi siete dati tanto da fare, perciò meritereste di uccidere il pirata. Ma volete saperla una cosa? Il pirata in realtà non può morire. Lui continuerà a comparire in numerosi altri film di merda per molti anni ancora. E allora di che cacchio stiamo parlando? Be’, ora ve lo spiego. Anche se il pirata non è morto voi gli avete tolto qualcosa che nessun’altro potrà mai restituirgli: la sua anima. I sorrisi a inizio film si sono tramutati in smorfie, gli occhi spalancati in palpebre sonnacchiose. Un personaggio che ha affascinato per la sua complessità realizzativa si è appiattito fino a diventare di una tristezza imbarazzante. Non sarà una vera e propria morte, ma io credo che sia peggio. Molto peggio.

Ricominciare da capo!

E ora che abbiamo rovinato per sempre un personaggio memorabile che si fa? Semplice. Si sceglie un nuovo personaggio memorabile, si raccolgono centinaia di milioni di dollari e si ricomincia da capo. Avete a disposizione un intero secolo di produzione cinematografica, perciò non tergiversate. Rimboccatevi le maniche, Hollywood non si distrugge mica da sola!

Spero che questo tutorial vi sia utile. Tanti cari saluti e buon proseguimento. Ci rileggiamo presto.

(Pirati dei Caraibi 5 fa schifo ai cani)
Lorenzo Manara

Lorenzo Manara

Lorenzo Manara ha scritto il suo primo romanzo nel 2012 e da allora non può fare a meno di sedersi davanti alla tastiera del computer, la sera, per scrivere storie d'avventura fino a tarda notte.
Lorenzo Manara

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.