Close

21 Giugno 2016

L’editing di un romanzo: la questione del dimenticatoio

dimenticare romanzo

Una volta finito il vostro romanzo, dicono che dovreste dimenticarlo.

Dimenticare qualcosa di proposito è più difficile di quanto sembri. Io sono un mago a dimenticare le cose, eppure mi trovo in difficoltà. Dimentico le chiavi in macchina, la presa del caricabatterie alla corrente, il latte sul fuoco che poi diventa caglio e ci faccio il formaggio… Dimenticare la serie di romanzi alla quale ho lavorato per quattro anni della mia vita però non mi riesce.

Dovrei aspettare altri quattro anni per dimenticare bene, forse. Ma quattro anni son tantissimi. Potrei mettermi a fare altro, con l’estate di mezzo potrei lavorare a un altro progetto.
Ora che ci penso, è proprio quello che sto facendo. Il 30 giugno scade il bando per il Premio Battello a Vapore. Il miglior romanzo per bambini vince la pubblicazione e un buon anticipo sui diritti delle royalties. Forse siamo un po’ in ritardo, ma se avete qualcosa nel cassetto dovreste provare. Io intendo partecipare. Sto ultimando un romanzo rivolto ai bambini dai dieci anni in su. Una roba avventurosa che ha a che fare con… Non posso dire niente. Posso solo dire che mi sta piacendo molto, credo sia un ottimo modo per dimenticare la saga del Ritornante.

Ma non basta. Ci vuole qualcos’altro, qualcosa che impegni la mente e il corpo. Pensare alle tre settimane di ferie ad agosto potrebbe aiutarmi. Potrei cominciare a pianificare, scegliere una destinazione, controllare aerei, traghetti e cose così. La domenica potrei svagarmi al mare. Io vado in Versilia, di solito. Voi? Funziona, sto già cominciando a non pensarci. Questa è la strada giusta: pensare al mare, il sole, la spiaggia. Sapete che faccio? Come immagine dell’articolo piazzo una bella spaghettata di mare. Perché sì, perché devo svagarmi. Basta articoli targati il Ritornante. Nel prossimo periodo, sul blog scriverò articoli di Militaria, e Storie Fantastiche. Potrei già lavorare al prossimo. Una recensione dell’ultimo libro che ho letto. Oppure la ricetta della spaghettata. Quella sì che è impossibile da dimenticare.

Poi quando l’estate sarà terminata potrò ripensare ai romanzi. Accadrà precisamente lunedì 29 agosto. Credo che inizierò l’editing del primo libro proprio quel lunedì. Mi impegnerà le due settimane successive. Sommando tutti e quattro i romanzi dovrei terminare per fine novembre. Contando le aggiunte e le modifiche alla trama potrei finire a dicembre, sempre che la scaletta…

Dannazione, ci son cascato di nuovo.

Lorenzo Manara

Lorenzo Manara ha scritto il suo primo romanzo nel 2012 e da allora non può fare a meno di sedersi davanti alla tastiera del computer, la sera, per scrivere storie d'avventura fino a tarda notte. Autore del romanzo Il Ritornante.
Lorenzo Manara

Latest posts by Lorenzo Manara (see all)

2 Comments on “L’editing di un romanzo: la questione del dimenticatoio

Bibolotty
21 Giugno 2016 a 21:20

un consiglio: l’editing fattelo fare da un/una professionista. è sempre un’altra storia, per quanto tu sia bravo. te lo dice una che ha pubblicato senza editing. è un investimento che torna tutto. ;) comunque carina la conclusione del pezzo. :D non ti ho mai commentato ma è dolcissima la tua determinazione. uso il termine “dolcissima” perché potrei essere tua madre. mi è scappato. insomma bravo. non leggo il tuo genere ma alcuni post rivelano un’intelligenza vivace. continua così. ciao.

Rispondi
Lorenzo Manara
22 Giugno 2016 a 0:19

Grazie per il bel commento. Sottopongo sempre i miei lavori a un editing professionale, prima però voglio migliorarli al massimo delle mie capacità. Così anche l’editor tira fuori qualcosa di meglio invece che soffermarsi su cose per le quali posso far da solo.
Ah, e non credere che io sia poi così giovane :D

Rispondi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.